Marvel 1602

Prendete Neil Gaiman, uno dei più grandi scrittori di fumetti del mondo. Mettete nelle sue mani tutti i personaggi del mondo Marvel. Cosa succederà?

1602 è una miniserie Marvel, già pubblicata in Italia a partire dal 2004 da PaniniComics, in 2+1 volumi (2 scritti da Gaiman, il terzo da Greg Pak con la sua consulenza…) che nel classico solco dei what if..? della Casa delle Idee, risponde a questa domanda: cosa sarebbe successo se gli eroi Marvel fossero stati presenti durante la prima colonizzazione europea del Nord America?

[Due di questi tre sono famosi personaggi Marvel… li riconoscete?]

L’idea geniale di Gaiman parte dalla colonia di Roanoke, il leggendario avamposto dei coloni inglesi dove negli ultimi anni del 1500 nacque Virginia Dare, la prima “figlia del Nuovo mondo” su cui ci sono varie leggende. La verità storica è che i coloni, decimati dalle malattie, dal clima rigido e probabilmente dagli scontri con i nativi, scomparvero nel nulla facendo diventare Roanoke la “colonia perduta” — alcune cronache raccontano poi di giovani bianchi usati come schiavi dalle tribù native della zona… tra cui anche una ragazza: Virginia Dare?

Ma cosa sarebbe successo se… un futuro governo USA, tenuto sotto stretto controllo dal supercriminale Purple Man eletto “presidente a vita” grazie ai suoi poteri di controllo mentale, avesse dichiarato (tanto per cambiare…) i supereroi illegali, e avesse spedito il più significativo di loro, Capitan America, in un punto imprecisato del tempo per toglierselo dai piedi? Magari Steve Rogers / Capitan America, capitato per caso a Roanoke, avrebbe potuto fare da mediatore tra i nativi e i coloni, cercando di far iniziare la storia degli USA in un modo un po’ meno cruento?

E a Londra, da Elisabetta I che ancora regnava sulle colonie americane, quale mago di corte sarebbe stato migliore di Stephen Strange? Mentre naturalmente, l’organizzazione di polizia segreta della Regina, chiamata “Scudo della Corona”, non poteva che essere guidata da sir Nicholas Fury… che spesso per le missioni più pericolose si affidava ad un cieco senza paura, un menestrello chiamato Matthew Murdoch, e conosciuto dai nemici spagnoli come “el Diablo”…

Tutta la vicenda di 1602 funziona in questo modo, con personaggi che più o meno da vicino, nel nome e nella situazione, richiamano i personaggi del mondo Marvel – dal giovane aiutante di Fury, il sempre incuriosito dai ragni Peter Parquagh, ai Quattro del Fantastick, un gruppo di avventurieri colpiti da una strana esplosione di luce mentre il loro vascello (il Fantastick, appunto) esploravano il Triangolo delle Bermuda – fino al Conte Otto von Doom che li tiene prigionieri nelle segrete del suo castello in Latveria… cercando di estorcere a sir Richard Reed i segreti delle sue ricerche di filosofo naturalista.

Del resto il grande Inquisitore spagnolo, Enrico Magno (il nome vi ricorda qualcuno?) tiene a sua volta prigioniero un “demone nel corpo di angelo”: uno degli esseri occulti che cominciano ad apparire sempre più spesso, e che il saggio spagnolo Carlos Javier sta provando a proteggere nella sua scuola, sfidando le accuse di eresia…

[Angelo degli X-Men… o meglio, degli Esseri Occulti!]

Tutta la vicenda dei primi due volumi, scritti da Gaiman, tiene sullo sfondo la storia di Roanoke e la guerra tra Spagna e Inghilterra al termine del Siglo de Oro, e ruota intorno all’azione di sir Nicholas Fury e di Stephen Strange presso la corte di Elisabetta I, dove si attende l’arrivo dell’ultimo Gran Maestro dei Templari, che porta con sè il famoso Tesoro dei Templari, a quanto pare una potentissima arma, in grado (forse…) di aver ragione degli strani fenomeni atmosferici che da Roanoke si stanno diffondendo in tutto il mondo, dopo la comparsa di misterioso “Precursore”, che forse è un gigantesco indiano dalla pelle bianca e dai capelli biondi, che tutti chiamano “Rojhaz”…

[Fury e Strange complottano per ritrovare il Tesoro dei Templari…]

Non voglio dire altro dei due bellissimi volumi di Gaiman, mentre sottolineo che ne è uscito in seguito un terzo, che continua a tener d’occhio la colonia di Roanoke dopo le vicende narrate nei primi due, e mette in primo piano le storie del giovane Peter Parquagh morso da un ragno (!), e di Lord Iron, un guerriero al soldo degli spagnoli, con una gigantesca armatura meccanica, che cerca vendetta da un emissiario del nuovo Re di Inghilterra e Scozia, sir David (Bruce…) Banner che lo ha ferito al cuore… – nonostante la consulenza artistica di Gaiman a questo terzo volume, la vicenda è sicuramente inferiore ai primi due, ma un tocco di valore viene dato dalle copertine degli albi contenuti in questa terza raccolta, che sono disegnate dal nostro immortale Sergio Toppi, anche lui al debutto con i personaggi Marvel.

[Viriginia Dare e… sir Banner, nel Nuovo Mondo ancora abitato dai dinosauri (?) – copertina di Sergio Toppi]

Explore posts in the same categories: 1602, autori, comics, f4, fumetti, gaiman, graphicnovel, ironman, marvel, sandman, spiderman, toppi

8 commenti su “Marvel 1602”

  1. mamozzi Says:

    MA è in uscita in Italia o negli States?

  2. mamozzi Says:

    No, perché m’hai fatto venire l’acquolina in bocca…🙂

  3. michelefrost Says:

    I tre albi-raccolta sono già usciti tutti, a partire dal 2004!
    (stump! rumore di mascella che cade…🙂 )

    Effettivamente non l’avevo scritto, adesso integro!
    Comunque su Paninicomics.it puoi ancora comprarli on-line a circa 10 euro ciascuno (che tra l’altro è un ottimo prezzo!) – effettivamente quando li ho visti la mascella è caduta anche a me!

  4. mamozzi Says:

    Grazie per la precisazione.

    Ho beccato casualmente oggi questa libreria: http://www.deastore.com Sembra abbastanza fornita a materiale fumettofilo. Ma non la conosco, quindi…


  5. […] I tanti fan di Neil Gaiman, mostro sacro dei fumetti, autore di Sandman, di 1602 e anche di numerosi romanzi e racconti visionari, conoscono il suo bel romanzo intitolato in […]


  6. […] qualche sua colpa, salvo poi fargli ritrovare il bastone-che-si-trasforma-in-martello (vi ricordate 1602?) per riportarlo al suo fianco. Ma si sa che mr. “Stracchino” è tra i più […]

  7. Debris Says:

    Marvel 1602 è stato edito nella collano presentata dalla Gazzetta dello sport stavo cercando una recensione…la ho trovata….


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: