Le inchieste di Jan Karta al tempo del nazifascismo

Non so quanti di voi conoscono Jan Karta, investigatore privato tedesco per cittadinanza, ma italianissimo per nascita, dato che è un personaggio creato da Roberto Dal Prà e Rodolfo Torti:

[herr Jan Karta… per servirvi!]

Karta è uno dei tanti casi del fumetto made in Italy, che ha dovuto prima far successo all’estero per poter poi venire considerato in Italia; per sua e nostra fortuna, il successo ce l’ha avuto per davvero, dato che in Francia è stato pubblicato da Dargaud (nel cui mitico catalogo ci sono tutti, da Bilal ai fumetti di Asterix e Lucky Luke…!), è stato premiato in Svizzera con il Gran Prix del festival di Serre, mentre in Italia è uscito sulle storiche riviste ComicArt e OrientExpress.

Finalmente è disponibile, in due volumi di 001 Edizioni, la raccolta completa delle sue avventure:


Jan Karta si muove nel periodo drammatico della fine della repubblica di Weimar, che coincide con la presa del potere del fascismo in Italia e con l’ascesa del nazismo in Germania. Proprio in Italia, Germania e Francia sono ambientate le storie raccolte nei volumi, in cui più o meno piccoli casi di cronaca nera presi in carico dall’investigatore, svelano subito tutto il peso delle trame politiche e militari del loro tempo.

Che si tratti degli omicidi politici che spianarono la via al partito nazional-socialista tedesco, oppure dei ricatti con cui si consolidò il controllo del fascismo sull’aristocrazia italiana, dei delitti degli estremisti francesi della Cagoule (responsabile tra l’altro della morte dei fratelli Rosselli…), o ancora della necessità di mettere in salvo la famiglia di un atleta ebreo tedesco alla vigilia delle Olimpiadi del 36, Karta risolve i suoi casi continuando a domandarsi a cosa serva scagionare o salvare una, due, cinque persone con l’orizzonte d’Europa che si annerisce sempre di più per i venti di guerra e di dittatura…

Le storie sono tutte ben congegnate e ben collegate alla Storia con la maiuscola, o meglio alla cronaca quotidiana dei giorni che hanno fatto la Storia – tutto però rimane sullo sfondo, perchè in primo piano ci sono le persone normali e la vita quotidiana, che troppo spesso sembra scorrer via senza accorgersi del disastro che si sta preparando… o forse è un modo per proteggersi?

L’investigatore-filosofo (come lo definiscono alcuni dei suoi compagni di strada…) continua a riflettere su queste questioni e ci porta con sè in punta di piedi nello sgabuzzino della storia… mentre nei vicoli di Roma destinati ad essere cancellati dal fascismo, la gente corre ed esulta per la vittoria dei Mondiali di calcio…

Explore posts in the same categories: autori, fumetti, graphicnovel, karta, torti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: